Siria: aumenta il numero di suicidi, 1 su 5 è un bambino

quattro bambini siriani camminano di spalle con gli zaini sulle spalle in un campo per sfollati

Nel nord-ovest della Siria stanno aumentando i casi di suicidio o i tentativi di suicidio e in un caso su 5 si tratta di minori. Solo negli ultimi 3 mesi del 2020 si sono registrati 246 suicidi compiuti e 1748 tentativi portando un incremento dell’86% rispetto al primo trimestre dello stesso anno.

Sul totale delle persone che hanno tentato di togliersi la vita, almeno 42 hanno 15 anni o meno, mentre il 18% sono adolescenti e giovani di età compresa tra 16 e 20 anni.

La scorsa settimana un ragazzo di 14 anni si è ucciso in un campo per sfollati ad Hama, l'ultimo di una serie di casi del genere registrati.

I bambini Siriani hanno bisogno di aiuto. Noi siamo al loro fianco, ma con la tua donazione possiamo fare di più. Per loro, il tuo sostegno può fare davvero la differenza tra la vita e la morte. DONA ORA, grazie.

Siria, cresce il disagio

L’aumento di questo fenomeno rientra in un quadro di crescente disagio della popolazione di quest’area del Paese, il nord-ovest della Siria, intrappolata in una spirale di povertà, violenza, mancanza di istruzione violenza domestica, matrimoni precoci, relazioni interrotte e bullismo, in comunità che sono state piegate da dieci anni di conflitto.

Le dure condizioni di vita nei campi sovraffollati nel nord-ovest e la mancanza di infrastrutture sono tutti fattori che spingono le persone a sentirsi più angosciate. Non è un caso che il maggior numero di suicidi è avvenuto proprio tra la popolazione sfollata, per un totale di ben 187 casi. 

È una situazione che rispecchia il sentimento di sconforto dopo 10 anni di conflitto e che sta togliendo ogni speranza persino ai più giovani e ai bambini.

Anche l’economia in forte crisi influisce sullo stato d’animo di quanto non hanno abbastanza risorse per procurarsi cibo e medicine, una deprivazione che alimenta lo stato di stress all’interno delle comunità.

La testimonianza di un operatore

“Quasi il 15% dei pazienti adulti ha pensieri suicidi. I bambini esprimono i loro disagi emotivi attraverso il comportamento. Diventano aggressivi, isolati o vendicativi" ha detto Majd, un operatore che supporta gli interventi di salute mentale per l'organizzazione partner di Save the Children, Hurras Network a North Idlib. Majdi racconta di una ragazza di 15 anni sposata da un anno, che ha visto il suo matrimonio iniziare a deteriorarsi. "Il giorno in cui è morta suicida, lei e suo marito hanno litigato, così lui è uscito di casa e quando è tornato l’ha trovata senza vita".

Cosa chiediamo

Chiediamo ai donatori e alla comunità internazionale di aumentare gli investimenti nei programmi di salute mentale e nel supporto personalizzato ai sopravvissuti ai tentativi di suicidio e alle vittime di violenza domestica. È fondamentale prevenire e rispondere alle possibili cause dei problemi di salute mentale soddisfacendo i bisogni umanitari di base, fornendo supporto alla comunità, servizi di gestione dei casi e rinvii tempestivi a servizi appositi.

Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche