Ultima settimana di tregua in Yemen: 38 bambini uccisi o feriti

bambino seduto a terra senza il braccio sinistro

In Yemen le ultime settimane sono state particolarmente difficili. Nonostante lo stato di tregua, la recrudescenza della violenza in Yemen ha portato all'uccisione o al ferimento di 38 bambini, il numero più alto di minori colpiti in una settimana dall'inizio del 2020. 

Per tutti gli yemeniti nel Paese è necessario fornire un accesso umanitario completo, sicuro e senza ostacoli. Siamo al fianco di questi bambini, ma possiamo aiutarli solo con il tuo sostegno. Tu puoi aiutarci a fornire soccorsi e protezione nelle emergenze più gravi, come questa.

I bambini sono vittime innocenti e dobbiamo proteggerli, anche tu puoi fare la tua parte. 

dona ora

Continuare la tregua per i bambini

La tregua, che scade oggi, ha rappresentato dal suo inizio, nel mese di aprile, un cambiamento particolarmente positivo per i bambini e le bambine in Yemen. Si è assistito ad un calo del 53% dei civili colpiti rispetto ai quattro mesi precedenti la sua entrata in vigore. Nello stesso periodo, i bambini feriti o uccisi sono diminuiti del 30%, scendendo a 120

Ma in questi sette anni di guerra spietata, i bambini e le bambine hanno dovuto sopportare sofferenze e difficoltà, che hanno avuto e continueranno ad avere un impatto terribile sulle loro vite e sul futuro del loro Paese. 

All’inizio di aprile, tutti avevano intravisto una speranza ed erano entusiasti sia della tregua, e poi della proroga di giugno. Tuttavia, la notizia della scorsa settimana di un così forte aumento delle vittime civili ci ha ricordato che i bambini sono ancora lontani dall'essere al sicuro finché la guerra non sarà ufficialmente finita

"La tregua ha effettivamente dato ai bambini un momento di sollievo. Ha soprattutto dato loro speranza e gli ha permesso, per la prima volta in sette anni, di poter sognare una vita pacifica e sicura che forse ha iniziato a realizzarsi. La tregua ha offerto a tutti una rara opportunità di riflettere sui costi della guerra e sulla necessità di porre fine al conflitto", ha dichiarato Rama Hansraj, Direttore per lo Yemen di Save the Children.

Cosa stiamo facendo

Condanniamo i continui attacchi ai bambini e alle bambine ed esortiamo le parti in conflitto a fare tutto ciò che è in loro potere per proteggere i bambini in linea con il Diritto Internazionale Umanitario e il Diritto Internazionale dei Diritti Umani. 

Siamo presenti in Yemen dal 1963 con programmi di istruzione, protezione dell'infanzia, salute e nutrizione, acqua, servizi igienico-sanitari e risposta alle emergenze nella maggior parte del Paese.

Per approfondire leggi il comunicato stampa

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche