4 consigli per supportare il rientro dalle vacanze dei tuoi figli

bambino sorpreso

Il tempo durante le vacanze estive è un tempo diverso. La sveglia non suona mai fuorché la primissima che ci sveglia per partire per le vacanze tanto attese, al mare, in montagna o verso una città da esplorare. Tornare dalle vacanze significa anche tornare alla routine, nostra e dei nostri figli. Farlo gradualmente è una soluzione per non ritrovarsi il primo giorno di scuola disabituati allo svegliarsi presto.


Il primo consiglio quindi, è quello di abituarsi piano piano ad alzarsi prima. Magari con le prime sveglie a metà mattinata, fino a tornare alla sveglia consueta del mattino.


Se fattibile è meglio rientrare dalle ferie non proprio a ridosso dell’inizio della scuola così da darsi questo tempo utile per ripartire con calma.


Come riempire però le giornate una volta rientrati dalle vacanze?


Non bisogna considerare il rientro dalle vacanze come tempo vuoto. Anche se tornati a casa, in città, quest’ultimo periodo può essere utile per continuare uno svago simile a quello delle precedenti vacanze.


Ed ecco qui il secondo consiglio. Per non trovarci annoiati insieme ai nostri figli possiamo ad esempio sfruttare ciò che i nostri luoghi ci offrono. Organizzando delle visite nei musei, meno affollati in questo periodo di rientri, oppure andando al parco a goderci ancora un po’ l’estate e il bel tempo. 


Come prepararsi inoltre all’imminente inizio della scuola?


La lettura disimpegnata, insieme ai compiti delle vacanze, sono da considerarsi come un lento rientro alle abitudini scolastiche dove i bambini torneranno sui libri ogni giorno. Qui, il terzo consiglio. Aiutiamo i nostri figli a tornare sui libri, piano piano, con qualche compito al giorno e leggendo insieme, anche per pura passione. 


Infine, come stare al fianco dei nostri figli emotivamente?


Siamo noi genitori i primi che devono cercare di trasmettere positività ai nostri bambini. Il ritorno dalle ferie è duro anche per noi. Affrontarlo positivamente parlando con loro dei lati positivi del rientro aiuta loro e anche un po’ noi. Ricordandogli per esempio che tornare a casa e a scuola significa anche tornare dai propri amici. E per chi la scuola la inizierà solo ora per la prima volta possiamo stargli vicino raccontando loro come l’inizio di una nuova avventura sia l’inizio sì di nuove sfide, ma anche di nuove amicizie che nasceranno, di nuove cose che impareranno e di esperienze positive da vivere insieme.


Se vuoi approfondire l’argomento leggi i consigli degli insegnanti del Programma Fuoriclasse per un buon rientro a scuola!