60 milioni di bambini a rischio sopravvivenza nel 2021

Primo piano di un bambino yemenita di 11 mesi sdraiato sulle gambe della mamma, guarda in alto e indossa un cappello di lana blu e un abitino bianco a righe.

Nel 2021 ben 60 milioni di bambini potrebbero non sopravvivere senza essere raggiunti da aiuti umanitari. È la metà di tutti i bambini a rischio a livello globale, che vivono in soli otto paesi nel mondo. La pandemia ha compromesso decenni di progressi fatti nella salvaguardia dei bambini, per questo serve una risposta internazionale e coordinata.

Covid, povertà, fame

I sistemi sanitari deboli sono collassati e i bambini hanno visto i loro genitori o i loro insegnanti contagiati dal virus, portati in ospedale. Mentre le famiglie precipitavano nella povertà, i più piccoli hanno sofferto la fame perché i capifamiglia avevano perso le loro fonti di reddito.

Da oltre 100 anni lottiamo per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro a ogni costo. Questo è possibile solo grazie ai donatori che hanno a cuore il futuro dei bambini. Anche tu puoi aiutarci a intervenire per portare soccorso ai bambini più in difficoltà con una donazione, anche piccola. Ti ringraziamo già da subito per il contributo che potrai dare. 

Dona ora

La crisi del 2021

Secondo le Nazioni Unite, più di 235 milioni di persone - circa la metà delle quali sono bambini - avranno bisogno di qualche forma di assistenza umanitaria quest'anno, rispetto ai 170 milioni del 2020. Un drammatico aumento del 40% in meno di un anno. Dei circa 117,7 milioni di bambini che avranno bisogno di un sostegno nel 2021, più della metà (60 milioni) vive in soli otto paesi, con lo Yemen, l'Etiopia e la Repubblica Democratica del Congo che contano oltre 10 milioni di bambini ciascuno.

Bambini a rischio malnutrizione

Siamo particolarmente preoccupati per il numero di bambini a rischio di malnutrizione acuta e grave se non ci saranno azioni rapide. Non possiamo ignorare i chiari segnali di allarme di una pericolosa carenza di cibo e del rischio di carestia in molti paesi come lo Yemen, la RDC, il Sud Sudan e parti della Nigeria. Anche prima della pandemia, i bambini stavano affrontando una triplice minaccia ai loro diritti rappresentata da conflitti, cambiamenti climatici e fame. Se ritardiamo ora l'azione, rischiamo di perdere migliaia di bambini per cause interamente prevenibili. 

Il nostro intervento

Stiamo lanciando un piano da 769 milioni di dollari per affrontare la più grande minaccia della storia alla sopravvivenza dei bambini e ai loro diritti. Per raggiungere 15,7 milioni di persone, inclusi 9,4 milioni di bambini in 37 paesi, sta lavorando senza sosta per garantire che, nel 2021, i bambini colpiti dalle crisi possano accedere all'istruzione e siano protetti dalle violenze, dallo sfruttamento e da altre forme di abuso. Stiamo supportando le famiglie anche attraverso un sostegno finanziario, in modo che i loro figli possano continuare ad imparare e ad avere accesso a cure mediche, acqua pulita e cibo nutriente. Particolar attenzione, nei paesi in emergenza, è dedicata all'empowerment delle ragazze e delle donne, per assicurare che abbiano pari accesso a sostegno e servizi. 

Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche