BNL sostiene Riscriviamo il Futuro

operatore save the children di spalle con maglietta brandizzata in primo piano. Sullo sfondo una figura di donna sfocata

BNL Gruppo Bnp Paribas è nostra partner e contribuisce alla lotta contro la dispersione scolastica e la povertà educativa sostenendo il progetto “Riscriviamo il futuro".

Bambini in emergenza educativa

A causa del Covid-19 e le necessarie misure di contenimento, le scuole chiuse hanno interessato 8,5 milioni di studenti. Di questi 1 su 8 non ha avuto la possibilità di studiare per mancanza di un PC, di un tablet o di accesso a Internet, con il rischio di lacune educative difficilmente colmabili ed effetti negativi sul futuro di questi giovani e delle ragazze in particolare, che già prima della crisi incorrevano in un rischio “esclusione” superiore rispetto ai loro compagni maschi.

Il programma “Riscriviamo il futuro” è volto a dare opportunità, educazione e speranza ai bambini duramente colpiti dalla crisi socio-economica seguita all’emergenza sanitaria. BNL è l’unica banca al momento ad aderire all’iniziativa ed ha donato all’Organizzazione 400 mila euro, che permetteranno di aumentare l’offerta formativa per oltre 1.700 ragazzi, di età compresa tra i 6 i 17 anni, in tutta Italia. All’interno di questo intervento, verranno sostenuti anche 4 “Punti Luce”, presidi educativi territoriali nelle periferie di Brindisi, Catania, Palermo e Roma.

L’obiettivo del progetto è quello di raggiungere, attraverso questo programma, 100.000 giovani per tutelare il loro diritto all’istruzione, dando continuità all’apprendimento e assicurando l’accesso ad opportunità educative. 

La donazione di 400 mila euro da parte di BNL si aggiunge ai 70mila € già destinati alla nostra Organizzazione dal Gruppo BNP Paribas nell’ambito del suo piano di aiuti globali da 50 milioni, dedicato a persone in difficoltà sociale ed economica, soprattutto giovani, ma anche al sostegno di associazioni, enti organizzazioni non-proft e a ospedali. 

Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche