La famiglia di Abid distrutta dalla guerra

I tre figli di Abid sopravvisuti all'esplosione in Iraq

Per più di sei mesi, gli abitanti di Mosul hanno sopportato combattimenti quotidiani, fuochi d’artiglieria e scioperi aerei mentre vivevano sotto assedio durante gli scontri tra gli alleati della coalizione e gli eserciti dell’ISIS. L’ISIS è stato accusato di aver portato avanti brutali atrocità, tra cui decapitazioni, stupri, schiavitù, bruciando persone vive e arruolando bambini nell’esercito.

I bambini stanno adesso affrontando le difficili conseguenze dell’aver vissuto in un’area densamente popolata, sotto il controllo dell’ISIS e durante una brutale guerra. Per noi le vite di questi bambini devono assolutamente essere protette.

La storia di Abid* è particolarmente toccante. Ha tentato di portare la sua famiglia al sicuro lasciando Mosul ma l’ISIS li ha obbligati a rientrare in città, durante l’intensificarsi dei combattimenti e dei bombardamenti. Quattro dei suoi figli sono sopravvissuti, sua moglie e il figlio di 11 anni sono invece stati uccisi di fronte ai suoi occhi.

“Non riuscivo più a sopportare quella situazione. Ho preso la mia famiglia e abbiamo iniziato a scappare… oggi vorrei non averlo fatto. Ci eravamo quasi riusciti, eravamo a circa 100 metri dall’esercito ma all’improvviso sono iniziati i bombardamenti della coalizione.

Abbiamo trovato riparo tra un muro e le macchine e, all’improvviso, una forte esplosione. Un’auto bomba è esplosa vicino alla mia famiglia e io sono stato sbalzato in avanti. Quando mi sono guardato indietro ho visto solo fumo e fuoco. Sono svenuto per qualche minuto e poi mi hanno svegliato le urla dei miei figli.

Mia figlia era ricoperta di sangue dalla testa ai piedi, i vestiti strappati. Anche mio figlio era nella stessa situazione. È stato orribile. Ho scoperto mia moglie e mio figlio maggiore completamente sventrati. La gamba dell’altra mia figlia stava bruciando mentre lei era riversa sul suolo.

Non sapevo cosa fare se non urlare. L’esercito ci ha visto e ci è venuto incontro. Ho detto loro di prendere i miei figli. Ho perso tutto, la mia famiglia è stata fatta a pezzi in quella strada”.

La natura del conflitto è cambiata. Si combatte con tutti i mezzi possibili nelle aree urbane densamente abitate. Quando vengono usati esplosivi nelle aree urbane, più del 90% delle persone che vengono uccise o rimangono ferite sono civili. Quelli più a rischio sono i bambini: i loro piccoli e fragili corpi non riescono a sopravvivere alle conseguenze di un’esplosione.

Secondo i dati delle Nazioni Unite, 700.000 persone sono scappate da Mosul per cercare rifugio ma ancora 200.000 rimangono intrappolate nella città.

*Il nome è stato cambiato per proteggere l'identità.