Siria: i bambini hanno paura ad andare a scuola

Siria bambino

Siria, Afghanistan e Somalia sono ai primi tre posti nella lista dei Paesi in conflitto più pericolosi dove essere bambini.

Dal 2005 al 2016 sono stati 15.375 gli attacchi a scuole e ospedali. Di conseguenza, i bambini hanno paura ad andare a scuola e i genitori stessi preferiscono tenerli a casa al sicuro.

Questo è ciò che è successo ad Ahmad, un bambino di 12 anni che fino al giorno in cui ha scoperto il centro per l’educazione sostenuto da Save the Children non era mai andato a scuola.

I genitori di Ahmad avevano paura a lasciarlo andare dopo che anni prima una scuola in un villaggio vicino Dara’a era stata colpita. Nell’attacco aveva perso la vita un bambina e due bambini avevano perso l’uso delle gambe.

Un giorno il papà di Ahmad ha sentito parlare del centro di educazione alternativo gestito dal 2016 da un’Organizzazione in partnership con Save the Children.

Ahmad racconta: “Non sono mai andato a scuola prima e me ne stavo a casa tutto il giorno senza fare nulla. Il giorno in cui hanno deciso di mandarmici era tardi perché non sapevo né leggere né scrivere e quindi nessuna scuola poteva accettarmi. Un giorno ho visto una piccola rappresentazione fatta per la campagna “Back to school” dove tutti i bambini andavano a scuola. L’ho raccontato a mio papà il quale si è convinto e mi ha incoraggiato ad andare al centro a studiare.” 

Per rispondere alle esigenze dei bambini che non avevano un livello alto di istruzione, come Ahmad, è stata creata una classe ad hoc che permettesse ai più piccoli di tornare in pari con i coetanei.

Yousef, l’insegnante di inglese di Ahmad racconta “è essenziale il coinvolgimento dei genitori tramite le campagne di sensibilizzazione per supportare i bambini nel rientro a scuola. Il papà di Ahmad ha rappresentato un ruolo fondamentale per il ritorno del figlio a scuola.”

“Ora sono in seconda elementare, è ancora lunga la mia strada, sono certo però che un giorno studierò all’università e diventerò insegnante di arabo.” Racconta Ahmad.

Sempre più bambini vivono in zona colpite da conflitto. Sono all’incirca 357 milioni. La metà di questi si trova in aree altamente insicure dove rischiano la propria vita.

In aree colpite da conflitti gli attacchi alle scuole e agli ospedali stanno diventando la normalità. La scuola deve essere un luogo sicuro, così come gli ospedali e le proprie case, troppo spesso obiettivi in guerra. A causa di questo, nel 2017 in Siria, erano 1.75 milioni i bambini che non frequentavano la scuola.

Una donazione regolare può fare anche questo. Può aiutare tanti bambini come Ahmad a tornare a scuola e a sentirsi di nuovo sicuri.

Diventerai un sostenitore Io Save the Children, e potrai garantire il tuo supporto a tutte le nostre attività, in Italia e nel mondo, 365 giorni l’anno, emergenze comprese.

Grazie a te migliaia di bambini avranno un'infanzia sana, protetta e felice.