Ucraina: 4 scuole materne distrutte ogni giorno

scuola distrutta con banchi e sedie rotte

Da quel tragico 24 febbraio, la guerra in Ucraina ha fortemente ridotto l'accesso all'apprendimento in presenza per tutti gli studenti e le studentesse, dall’età prescolare all’adolescenza. In sei mesi di guerra più di 2.400 strutture educative, dall'asilo all'università, sono state danneggiate o distrutte. Numerose scuole sono state trasformate in rifugi per le famiglie sfollate.

Ciò che temiamo maggiormente è che la riduzione delle opportunità di apprendimento precoce si ripercuoterà sul futuro dei bambini e delle bambine, ampliando i divari di apprendimento preesistenti e colpendo maggiormente gli studenti e le studentesse delle aree in cui si combatte attivamente.

Un ritorno a scuola, per tutti e in sicurezza

L’età prescolare è un momento critico nella vita di ogni bambino o bambina per la crescita e lo sviluppo. Specialmente in contesti di crisi, la scuola materna può aiutare i più piccoli a far fronte al loro dolore attraverso l‘arti e le attività manuali. Ma non tutti gli studenti e le studentesse potranno tornare sui banchi di scuola in Ucraina. Sarà possibile il rientro in aula solo dove è sicuro farlo e se la scuola è dotata di un sistema di protezione in caso di attacco. Tuttavia, molte scuole rimangono chiuse mentre le autorità continuano a costruire rifugi e riparare i danni da bombardamenti e attacchi.

"Uno dei modi migliori d’imparare per i bambini piccoli è il gioco strutturato. Anche se la scuola dell'infanzia online può essere efficace, bisogna assicurarsi che i bambini imparino in un ambiente sicuro, che abbiano l'opportunità di socializzare con altri bambini e che un genitore o un tutore sia presente per aiutare a guidare le lezioni, se necessario. Questo non è sempre possibile per le famiglie di alcune zone dell'Ucraina che fuggono dalla violenza, che hanno una scarsa connessione a Internet o che hanno più figli che computer. Il diritto dei bambini a un'istruzione di qualità non si esaurisce nei momenti di emergenza. L'accesso ad un'istruzione sicura offre stabilità e protegge i bambini dai danni. Inoltre, dà loro un senso di normalità e la possibilità di giocare e divertirsi", ha dichiarato Sonia Khush, Direttrice di Save the Children in Ucraina.

Inoltre, ricordiamo che tutti i bambini e le bambine hanno diritto a un'istruzione sicura secondo la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo e la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (UNCRC). Mentre i combattimenti sono in corso, esiste l'obbligo nel diritto internazionale di prendere tutte le precauzioni necessarie per proteggere i civili e gli edifici civili, come scuole e ospedali, che sono protetti dal Diritto Internazionale Umanitario.

Dedizione e cura per alleviare lo stress

L'esposizione prolungata alla guerra, allo stress e all'incertezza può essere estremamente sconvolgente per tutti i bambini e le bambine e portare a uno stato di stress tossico, la forma di stress più pericolosa che un bambino possa sperimentare.

"L'attenzione è molto importante per loro in questo momento. I bambini vengono da me, mi prendono la mano e mi dicono: 'Guarda, questo è il mio disegno'. Ho solo 45 minuti per ogni gruppo ma è importante per me prestare attenzione ad ogni bambino. Hanno davvero bisogno che il loro dolore e la loro paura vengano ascoltati", ha detto Anna, psicologa presso una scuola estiva di sostegno Save the Children in Polonia per i bambini e le bambine fuggiti dall'Ucraina, spiegando che il modo migliore per sostenere i bambini sfollati è assicurarsi che si sentano ascoltati.

Cosa stiamo facendo

L’Organizzazione opera in Ucraina dal 2014, fornendo aiuti umanitari ai bambini e alle loro famiglie. Sosteniamo le famiglie di rifugiati in tutta Europa e aiutiamo i bambini ad accedere all'istruzione e ad altri servizi essenziali. In Ucraina, grazie ai partner locali stiamo fornendo riparo, cibo, contanti, carburante, supporto psicologico e kit per bambini e per l’igiene alle famiglie sfollate.

Inoltre, chiediamo all’Italia di supportare il coordinamento tra i meccanismi di monitoraggio delle violazioni dei diritti dei minori in Ucraina e sostenere l’implementazione della Safe Schools Declaration per la protezione degli edifici scolastici dall’utilizzo durante i conflitti armati.

Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche