Maternità e lavoro: diritti e tutele in caso di violazioni

Mani di una mamma tengono la mano di suo figlio neonato

In questo articolo scopriamo quali sono i diritti e le tutele in caso di violazioni sul lavoro per le mamme lavoratrici. Molte donne, purtroppo, ancora subiscono ingiustizie come il licenziamento, il demansionamento e le discriminazioni durante e/o dopo la gravidanza. Ma la normativa interviene in loro difesa.


Maternità: diritti e tutele in caso di violazioni sul lavoro


Vediamo, dunque, come la legge protegge le mamme lavoratrici dalle violazione e permette loro di eliminare eventuali ostacoli alla loro carriera professionale.

  • Licenziamento in caso di gravidanza

Le lavoratrici non possono essere licenziate dall’inizio del periodo di gravidanza (300 giorni prima della data presunta del parto) fino al termine del congedo di maternità e fino a 1 anno di età del bambino.
Esistono tuttavia delle eccezioni, come: giusta causa di licenziamento della lavoratrice a prescindere dal suo status, cessazione dell’attività della lavoratrice, fine contratto, esito negativo nel periodo di prova.
Il divieto di sospensione della lavoratrice vale negli stessi casi in cui opera il divieto di licenziamento. Con la sola eccezione in caso di sospensione dell’attività dell’azienda o del reparto.
La lavoratrice in maternità è tutelata anche dal divieto di licenziamento in seguito a una procedura di licenziamento collettivo. Anche qui unica eccezione la sospensione dell’attività dell’azienda. Nella scheda verranno approfonditi i diritti conseguenti alla tutela reale piena (reintegra, pagamento, etc).

  • Demansionamento in caso di gravidanza

La lavoratrice madre viene tutelata dal demansionamento, infatti deve essere adibita alle ultime mansioni da lei svolte o equivalenti, nonché beneficiare di eventuali miglioramenti delle condizioni di lavoro. Il demansionamento ingiustificato costituisce una forma di discriminazione diretta di genere.

  • Ostacoli alla carriera e discriminazione della donna

È vietata qualsiasi discriminazione per quanto riguarda: l’accesso al lavoro, attraverso il riferimento allo stato matrimoniale o di famiglia o di gravidanza, nonché di maternità o paternità, anche adottive, o in modo indiretto, attraverso meccanismi di preselezione diretta e indiretta, concernente un qualunque aspetto o condizione delle retribuzioni, per quanto riguarda un lavoro al quale è attribuito un valore uguale tra uomini e donne per qualifica, mansione e crescita. Infine per causa di matrimonio.


Violazioni dei diritti e delle tutele delle mamme lavoratrici in Italia


Come emerso dalle testimonianze raccolte tramite i programmi territoriali, nonché sui nostri canali social, diverse donne in Italia una volta rimaste incinte hanno subito violazioni e discriminazioni sul lavoro


J. P. ci scrive: “Io dopo essere tornata dalla maternità mi sono trovata a fronteggiare la totale ostilità dell’azienda per cui lavoravo, dei superiori e perfino dei colleghi. Tre anni e mezzo di mobbing spietato, finché non ho ceduto. Perché è così, prima o poi cedi. Ti chiedono: ma vuoi proprio fare l’allattamento? E così inizia. Se non rinunci ai tuoi diritti te la fanno pagare. Se vuoi lavorare ma anche crescere tuo figlio te la fanno pagare. Lavoravo nel commercio e lì non ci sono regole, possono farti di tutto e prima o poi cedi. Hanno i mezzi e il tempo… io ho lottato per tre anni, ho fatto di tutto, non mi sono arresa. Ma alla fine sì… e adesso sono disoccupata e senza nessuna prospettiva che questo stato possa cambiare. Ho 44 anni e ho un figlio”.


A. M. commenta: “Io ho perso il lavoro con la bimba piccola che aveva tre anni… ho dovuto cambiare lavoro e settore perché non riuscivo a trovare nulla di compatibile con la gestione famigliare e i nonni non potevano aiutare. E poi colloqui su colloqui per sentirmi dire che oggi avere figli è un problema… per cui neanche ti vogliono assumere”.


Soluzioni per casi pratici di violazioni 


Domanda: Durante il colloquio di lavoro è stato chiesto alla lavoratrice se avesse pianificato una gravidanza e, a seguito di un risposta positiva, è stata esclusa dall’assunzione.

Risposta: In questo caso è evidente la violazione dell’articolo 27 del D.L. 11/04/2006 n° 198. In base a quanto stabilito dall’articolo 36 dello stesso decreto il soggetto che ha subito la violazione può agire in giudizio al Giudice del Lavoro. Nella scheda l’approfondimento del caso.


Domanda: Al ritorno dalla maternità la lavoratrice ha subito un demansionamento e le è stata fatta pesare la maternità come periodo di riposo e “nullafacenza”.

Risposta: Il demansionamento al rientro della maternità non è sempre escluso: è lecito qualora sia frutto di un accordo con la lavoratrice per meglio andare incontro al suo interesse o qualora le mansioni a cui era adibita prima della gravidanza fossero incompatibili con la maternità successiva. Nel caso non fosse così, come descritto sopra, il demansionamento è una forma di violazione.


Domanda: Alla notizia della gravidanza o al ritorno dalla maternità la lavoratrice è stata licenziata o costretta a lasciare il posto di lavoro.

Risposta: Qualora la lavoratrice fosse licenziata durante il periodo di gravidanza deve presentare idonea certificazione da cui risulti l’esistenza all’epoca del licenziamento della sua condizione. Come descritto sopra la neomamma è tutelata dal licenziamento.


Domanda: Al rientro dalla maternità la lavoratrice ha chiesto il part time, ma l’azienda ha fatto numerosi problemi come se l’attivazione fosse per loro un danno.

Risposta: Il datore di lavoro non può opporsi alla richiesta della lavoratrice, qualora la lavoratrice non abbia ancora usufruito completamente del congedo parentale.


Domanda: Al rientro dalla maternità, per anni la lavoratrice non è riuscita a crescere professionalmente, al contrario dei colleghi uomini o delle colleghe senza figli.

Risposta: Qualora la lavoratrice al rientro dalla maternità dovesse essere discriminata potrebbe agire in giudizio per ottenere un risarcimento del danno.


Maternità e lavoro, cosa fare in caso di violazioni: scheda di approfondimento

Nella scheda di approfondimento i diritti e le tutele in caso di violazione sul lavoro


Tutte le schede della serie Maternità e lavoro.


Gli articoli passati su diritti e tutele dei genitori lavoratori 


Contenuti realizzati grazie a contributo reso a titolo gratuito da BonelliErede, nell’ambito di un’iniziativa pro bono per Save the Children Italia.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche

  • Primo piano di donna che guarda la bimba sollevata in braccio davanti lei.

    Genitorialità: come sostenerla in 3 mosse

    Essere genitori oggi pone diversi obiettivi molto sfidanti, per questo è importante promuovere misure di welfare e politiche strutturali per il sostegno alla genitorialità che abbiano attuazione immediata ma con una logica di medio-lungo termine.
  • Donna di spalle parla con una donna e un uomo sul posto di lavoro

    Gender gap: la situazione in Italia

    Il gender gap, divario tra il genere maschile e femminile, è una questione che coinvolge gran parte delle donne in Italia e riguarda soprattutto gli ambiti professionale, economico e sociale. Un approfondimento nel nostro rapporto “Le Equilibriste".