Promuovere la sopravvivenza e lo sviluppo dei bambini nelle comunità pastorali del South Omo

Perché

L'Etiopia ha una popolazione stimata di oltre 105 milioni di abitanti e l'85% della popolazione vive in aree rurali. Più di 9,8 milioni di persone sono pastori e il South Omo, nel sud del Paese, è una delle zone con il più alto numero di comunità pastorali. In questa zona, le bambine e i bambini non hanno accesso all’istruzione, ai servizi sanitari, all’acqua potabile e alle infrastrutture stradali. Oltretutto, le popolazioni di questa regione sono note per ricorrere persistentemente a pratiche tradizionali che influiscono soprattutto sul benessere di donne e bambine. Sebbene l’istruzione primaria sia accessibile in tutta l’Etiopia, nelle zone rurali non è esiste un sistema di educazione prescolare. Questo obbliga i minori ad accedere alle scuole primarie senza un’adeguata preparazione, esponendoli al rischio di un abbandono precoce. Molti insegnanti nel South Omo provengono da altre aree del Paese e non parlano la lingua locale. Il problema sussiste anche per il materiale didattico, generalmente redatto in amarico, lingua poco diffusa nella regione.

Che cosa 

L’obiettivo del progetto è di garantire la protezione dei minori da pratiche tradizionali dannose, attraverso un sistema di protezione dell'infanzia e l’accesso all’educazione prescolare. L’organizzazione consente alle comunità di rispondere ai problemi di violenza, abuso, abbandono e sfruttamento nei confronti dei bambini; a istituire e rafforzare sistemi di protezione in grado di prevenire la violenza e aumentare l'accesso a servizi di qualità per la prima infanzia. I bambini che passeranno dall'istruzione prescolare alla scuola primaria saranno monitorati e l'elenco dei bambini della scuola materna sarà documentato e condiviso con gli insegnanti della scuola elementare. Inoltre, i punteggi accademici di coloro che sono passati alla scuola primaria saranno certificati per verificare il livello di prestazioni dei bambini. 

Attività principali e alcuni risultati raggiunti

  • 6.512 bambini in totale sono stati iscritti a scuole elementari e ai centri per la prima infanzia in cui lavoriamo, 205 dei quali sono bambini affetti da disabilità.

  • 116 tra ufficiali del dipartimento di educazione del South Omo, supervisori, presidi ed insegnanti sono stati formati alla definizione di un codice di condotta scolastico incentrato sulla promozione del benessere e della salute psico-fisica di studenti e bambini.

  • 1.444 bambini e bambine più vulnerabili hanno ricevuto protezione e assistenza in base alle loro necessità. Abbiamo distribuito loro anche vestiario, materiale igienici e scolastici (tra cui libri, zaini, matite..).

  • 40 bambini a rischio o sopravvissuti alla violenza hanno trovato un posto nelle famiglie di accoglienza che sono state identificate e supportatene nell’ambito del progetto. Ove possibile i minori sono stati riunificati alla propria famiglia di origine.

  • Per continuare le nostre attività anche durante la pandemia Covid-19, abbiamo procurato 300 radio portatili e 600 penne USB con contenuti educativi da utilizzare tramite radio per permettere ai bambini di 300 villaggi di poter continuare a imparare a distanza.

  • 20 insegnanti, precedentemente formati, hanno insegnato e supportato 300 bambini a produrre artigianalmente fino a 4.000 mascherine per proteggersi dal contagio.

*I dati qui pubblicati si riferiscono al periodo che va dall'inizio del progetto all'ultimo aggiornamento disponibile.