Dal 2011, siamo impegnati nell’analisi del fenomeno e nella definizione di un intervento efficace nel contrasto della dispersione scolastica, costruito in collaborazione con le scuole. Il programma, denominato Fuoriclasse, è un intervento integrato rivolto a studenti, docenti e famiglie. Interviene con attività a supporto della motivazione allo studio e dell’apprendimento, al fine di garantire la piena attuazione del diritto all’istruzione, come sancito nella Convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza.

Fuoriclasse agisce in maniera preventiva con interventi educativi sia in ambito scolastico che extrascolastico. Nello specifico, viene proposto alle classi IV e V delle primarie e II e III delle secondarie di primo grado, al fine di accompagnare il passaggio da un ordine scolastico a quello successivo.

Grazie alle scuole e ai partner di progetto, nel biennio di intervento, si realizzano le seguenti azioni:

  • Laboratori in orario scolastico: incontri per supportare la motivazione degli studenti verso lo studio, rinforzando l’autostima e valorizzando la peer education, per informare i propri coetanei sugli effetti negativi della dispersione scolastica attraverso l’uso di prodotti comunicativi realizzati dai ragazzi stessi.
  • Campi scuola: un’attività che risponde all’esigenza di proseguire, in un contesto educativo non formale, il lavoro sulla costruzione del gruppo classe. 
  • Accompagnamento allo studio: servizio continuativo dedicato agli studenti che presentano difficoltà e ritardi rispetto al programma scolastico. Le attività vengono realizzate in orario extrascolastico, promuovendo una didattica esperienziale e cooperativa.
  • Consigli Fuoriclasse: spazi di dialogo permanente tra docenti e studenti per promuovere il benessere scolastico. In particolare si lavora su proposte di intervento relative alle dinamiche relazionali (tra pari e adulto/minore), alla didattica, alla riqualificazione degli spazi scolastici.
  • Percorsi docenti: gli incontri sostengono gli insegnanti attraverso attività formative e di confronto per contrastare l’abbandono della scuola da parte degli studenti a rischio.
  • Percorsi genitori: gli incontri sono diretti a facilitare il dialogo scuola-famiglia, per promuovere lo sviluppo di una comunità educante capace di contrastare la dispersione scolastica sui territori.
  • Percorsi di inclusione: gli incontri hanno l’obiettivo di sostenere l’apprendimento dell’italiano come lingua di studio e veicolo di coesione sociale. Sono inoltre l’occasione per sperimentare una didattica inclusiva coinvolgendo anche il corpo insegnanti.

Grazie alla collaborazione con la Fondazione Giovanni Agnelli, per la prima volta in Italia un programma di contrasto alla dispersione scolastica è stato sottoposto ad una valutazione di impatto.

La valutazione è stata realizzata nel triennio 2012-2015, coinvolgendo le scuole di 5 città (Bari, Crotone, Napoli, Milano, Scalea) in 4 regioni (Calabria, Campania, Lombardia, Puglia).


I dati relativi alla valutazione d’impatto sono raccolti nell’e-book:
Fuoriclasse, un modello di successo per il contrasto della dispersione scolastica.

Per saperne di più, guarda anche il video dedicato al programma Fuoriclasse.

Attualmente è in corso la stesura del secondo rapporto di valutazione relativa al biennio 2016 – 2018, che ha coinvolto le città di Bari, Milano, Torino.

Alcuni risultati

Dal 2012 abbiamo coinvolto 116 classi di 22 Istituti Comprensivi, per un totale di circa 2900 studenti, 950 docenti e 1900 genitori. L’esperienza maturata in questi anni sul campo è stata valorizzata in due pubblicazioni:

Grazie alla creatività e all’impegno di bambini e ragazzi sono stati realizzati numerosi prodotti comunicativi child-friendly sul diritto all’istruzione di qualità, tra cui: 4 fumetti, 1 libro-gioco, 13 giochi in scatola, 18 storie per la lettura animata con il kamishibai (scuole primarie); 40 spot video, 6 video inchieste, 4 video-verità, 3 video animazione, 16 storymap (scuole secondarie di primo grado). 
L’esperienza educativa maturata in questi anni sul campo è stata valorizzata in diverse pubblicazioni, relative alla pedagogia dei diritti, alla promozione della partecipazione a scuola, all’orientamento, al sostegno degli adulti nel contrasto alla dispersione scolastica. 


Per ulteriori informazioni sul programma, guarda il video, visita la pagina facebook, scrivi a fuoriclasse@savethechildren.org.

Nella città di Aprilia

Il progetto si svolge nel comune di Aprilia, negli Istituti Comprensivi Statali Matteotti e Toscanini. 
L’intervento coinvolge i quartieri Toscanini e Primo, caratterizzati da edilizia residenziale e popolare, assenza di centri di aggregazione giovanile e da situazioni di marginalità e illegalità. Il quartiere Primo, sede del centro educativo Fuoriclasse all’interno degli spazi dell’Istituto Comprensivo Matteotti, si contraddistingue per la presenza di comunità straniere e l’assenza di attività gratuite per il supporto allo studio. L’impegno di Save the Children per i prossimi due anni coinvolgerà alunni, docenti e genitori delle scuole dei due quartieri.

Psy+ Onlus e Cooperativa E.D.I. Onlus supportano Save the Children nella realizzazione delle attività.

Per ulteriori informazioni scrivere al coordinatore locale, giuseppe.candela@savethechildren.org.

L’impegno di Save the Children per il successo formativo continua ancora oggi con le attività di accompagnamento allo studio presso i 5 centri educativi Fuoriclasse attivi a Torino (quartiere Falchera), Milano (quartieri Quarto Oggiaro e Musocco), Bari (quartieri Japigia e Celie). 

Seguiamo inoltre 50 studenti attraverso altrettante borse di studio per il raggiungimento dell’obbligo scolastico. Gli studenti sono coinvolti in un percorso biennale di responsabilità, consapevolezza e impegno. Usufruiscono di un sostegno economico per l’acquisto di materiale indispensabile alla frequenza scolastica (abbonamento dei mezzi di trasporto, divise scolastiche, acquisto dei libri) e sono coinvolti come educatori pari nei centri educativi di provenienza. I beneficiari possono inoltre contare su un sostegno allo studio personalizzato, oltre che sul tutoraggio educativo.  Le borse di studio Fuoriclasse si basano su un costante rapporto con le scuole secondarie di secondo grado e con i genitori, in modo che il percorso sia condiviso e che ciascuno possa fare la propria parte per il diritto all’istruzione di qualità per tutti.

ACLI Milano, Associazione Kreattiva, Cooperativa CISV Solidarietà supportano Save the Children nella realizzazione delle attività nelle città di Milano, Bari e Torino.

Per ulteriori informazioni scrivere alla referente nazionale, camilla.bianchi@savethechildren.org.

*I dati qui pubblicati si riferiscono al periodo che va dall'inizio del progetto all'ultimo aggiornamento disponibile.