Il sogno di Kalonji: diventerò direttore della mia scuola

Bambino educazione native

Già dalla prima elementare, Kalonji, ha le idee chiare: trasferirsi in città per studiare all’università e diventare il direttore della sua scuola così da insegnare a sua volta ai bambini.

Kalonji ha grandi piani per il suo futuro, ma, purtroppo, ha poche opportunità dalla sua parte. Ha 8 anni e ha già vissuto il trauma di un attacco, da parte di un gruppo armato, al suo villaggio situato nella regione del Kasai, in Repubblica Democratica del Congo. Durante l’attacco il suo papà è stato ucciso. Oltre ad essere diventato orfano la sua casa è stata distrutta, ritrovandosi senza un posto dove andare.

“Mio padre si trovava al villaggio quando il gruppo armato chiamato Kamuina Nsapu è insorto. E’ stato ucciso. Io mi trovavo nello stesso quartiere quando è successo. Ora sono orfano. Niente papà, niente mamma. Ho lasciato il mio villaggio di origine a causa del gruppo armato di Kamuina Nsapu. Siamo scappati e abbiamo camminato per 72 chilometri. Ero con i miei fratelli e sorelle. Ora sono rimasto in questo villaggio per trovare qualcuno che mi adottasse. Una persona ha poi deciso di prendersi cura di me. ”

Ad oggi la sua più grande preoccupazione è cambiata. Non più la sicurezza, il cibo è ciò di cui ha bisogno. Per sopravvivere Kalonji raccoglie fiori e foglie di cassava e ci sono volte in cui non trova nemmeno questo da mangiare.

“Qui mangio sempre tardi e a volte non mangio del tutto. Ogni giorno ci rechiamo al campo per vedere a che punto è il mais, ma non ce n'è ancora. Ci sono soltanto le foglie e i fiori di cassava.”

Nonostante la sua vita sia diventata tanto difficile, Kalonji ha ben chiare le sue priorità: stare in forma per poter continuare a studiare.

“Quando vivevo nel mio villaggio, prima dell’attacco, studiavo. Anche ora studio, ma è davvero difficile. Non ci sono soldi, cibo e nemmeno libri. Non mi sono portato nulla dalla mia vecchia casa. Niente libri. Ho bisogno di vestiti, un uniforme, dei libri, pantofole e cibo. Sto studiando per diventare il direttore della mia scuola. Voglio studiare così potrò insegnare ai bambini. La matematica è la mia materia preferita.”

“Quando finirò i miei studi qui, mi trasferirò a Katanga, Lumbubashi per iniziare l’università. In questo momento però, ciò che voglio è rimanere qui e poter continuare a studiare. Spero che qualcuno possa aiutarmi a studiare”.

Un modo per aiutare i bambini come Kalonji c’è. Sono molti infatti i bambini che non hanno la possibilità di studiare e realizzarsi, o che hanno bisogno di cibo e un luogo sicuro dove crescere.

Trasforma il tuo giorno speciale, come quello della tua laurea, in un gesto solidale per contribuire all’educazione, alla salute e alla protezione di molti bambini nel mondo. Attraverso le bomboniere, personalizzabili, condividerai con i tuoi invitati la gioia di aver aiutato tanti bambini.