Apre a Pescara un nuovo spazio “Fiocchi in Ospedale”

Fiocchi in Ospedale Pescara

Uno spazio accogliente per mamme e neonati in cui si ha la possibilità di parlare con operatori del settore come ginecologi, psicologi, pedagogisti, pediatri e altri professionisti, una sala dedicata al sostegno all’allattamento con fasciatoi per l’accoglienza prima e dopo il parto e incontri per il sostegno alla genitorialità.

È questo il nuovo spazio “Fiocchi in Ospedale” inaugurato oggi presso l’Ospedale Santo Spirito, un progetto per supportare sia le mamme in gravidanza sia le neo-mamme che spesso si trovano ad affrontare il momento più delicato della loro vita, quello dell’attesa e della nascita di un bambino, in condizioni di grave fragilità socio-economica.

“Siamo particolarmente fieri di poter inaugurare oggi il 10° spazio del Progetto Fiocchi in Ospedale proprio qui a Pescara. Il sostegno alla genitorialità e in particolare il supporto alle mamme in gravidanza e subito dopo il parto è fondamentale, soprattutto nelle regioni come l’Abruzzo dove la povertà relativa delle famiglie ha avuto il maggior incremento in Italia, superando la percentuale del 5%. Il Progetto accompagna le mamme in tutte le fasi della loro gravidanza fino ai primi mesi dopo il parto, supportando le donne in questo momento così delicato della loro vita” afferma Raffaela Milano, Direttrice programmi Italia-Europa

Il Polo Ospedaliero di Pescara è quello con il più alto numero di parti in Abruzzo, ben 2362 nel 2017 per 2418 nati, anche se la regione risente, come tutto il territorio nazionale, di un calo delle nascite che ha visto il tasso di natalità passare dall’8.8% al 7.2% tra il 2007 e il 2017. Proprio in questo contesto, il Progetto Fiocchi in Ospedale, interviene per contribuire a migliorare le competenze e le reti di sostegno alla genitorialità, per prevenire casi di maltrattamento e abuso, per segnalare e affrontare situazioni di disagio sociale, psicologico e socio-economico. Per le famiglie che si trovano in situazioni di particolare vulnerabilità economica e sociale, è previsto anche un supporto materiale, come pannolini e accessori per la cura del neonato, oltre che la possibilità di dimissioni protette e la presa in carico sociale di coppie in difficoltà abitativa o in cerca di lavoro.

Lo Spazio è stato attivato grazie alla collaborazione con la Regione Abruzzo e il sostegno di Pampers. Le attività dello Spazio verranno svolte in partnership con la Cooperativa Sociale Orizzonte, che opera da molti anni sul territorio pescarese nell’area materno infantile.

La Rete Fiocchi in Ospedale

Attorno ai 10 spazi del Progetto Fiocchi in Ospedale già presenti nelle città di Torino, Milano, Roma, Napoli, Bari, Sassari, supportiamo 18 progetti “associati” alla Rete Fiocchi in Ospedale che oltre a sostenere la genitorialità sono impegnati nella prevenzione e nel contrasto a maltrattamenti e violenze, nello scambio di beni e servizi in aree materno-infantili, sostegno ai genitori di bambini ricoverati in terapia intensiva o pediatria, home visiting e pronta accoglienza e contrasto precoce alla povertà educativa. Tra il 2012 e il 2017 sono stati sostenuti dal Progetto circa 16 mila adulti e 8 mila bambini attraverso colloqui di orientamento, sostegno materiale, assistenza sui servizi del territorio, interventi domiciliari di emergenza e gestione di situazioni particolarmente problematiche grazie anche al coordinamento con i servizi territoriali. 

La Rete Fiocchi in Ospedale si estende anche alle città di Bassano del Grappa, Novate Milanese, Bologna, Ferrara, Comacchio, Cosenza, Catanzaro, Palermo e Cagliari. 

Per approfondire leggi il comunicato stampa.