Lo sportello amico negli Spazio Mamma: un aiuto per l’orientamento al lavoro

bimbo appena nato e in fasce in braccio alla sua mamma

I recenti dati diffusi lo scorso 22 giugno da Eurostat fotografano la drammaticità della situazione del lavoro nelle quattro regioni meridionali (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) che risultano avere il tasso di occupazione più basso d'Europa in particolare sul versante femminile e giovanile. 

AL SUD SOLO 1 DONNA SU 3 HA UN LAVORO

In queste regioni del sud, infatti, solo un terzo delle donne in età da lavoro (tra i 20 e i 64 anni) risulta occupata rispetto ai due terzi dell'Emilia Romagna (67%) o, sullo scenario europeo, al 75% di occupazione femminile tedesca. Una condizione che alimenta l'ansia legata all'incertezza sul futuro di tantissime donne e che, come riporta lo studio dell'Istat sulla salute mentale, conduce ad un tasso di depressione femminile doppio rispetto a quello maschile. 

L’ORIENTAMENTO AL LAVORO

Tra le difficoltà emerse si rileva un particolare deficit nel campo dell'orientamento al lavoro. Molte donne raccontano infatti di trovarsi totalmente impreparate ad affrontare un’adeguata ricerca del lavoro, competenza fondamentale non solo per un positivo inserimento nella società ma anche per aumentare la propria autostima e le proprie abilità sociali e relazionali.

Queste sono anche le difficoltà che molte delle mamme che frequentano lo Spazio Mamme di San Luca affrontano ogni giorno. Difficoltà che a volte mettono a rischio le loro capacità genitoriali. 

LO SPORTELLO AMICO PER L’ORIENTAMENTO AL LAVORO

Sull’onda di questa “emergenza sociale”, allo spazio mamme è stato attivato   lo "sportello Amico". Nato come momento di confronto e spazio di riflessione e approfondimento su temi legati alla funzione genitoriale, ha potenziato nel tempo anche attività di accompagnamento e di orientamento al lavoro.
I genitori ospiti all'interno dello Spazio Mamme di San Luca, vengono supportati nella compilazione del proprio personale curriculum, nell’utilizzo del web con finalità di ricerca occupazione e nella costruzione del proprio bilancio di competenze.

In questo ambito ritenuto fondamentale per costruire un proprio progetto di vita è decisamente importante avere una chiara consapevolezza delle proprie competenze, dei propri interessi e delle proprie inclinazioni personali al fine di sviluppare delle strategie di azione, non perdendo comunque di vista l'andamento e le richieste del mercato del lavoro. 

Richieste che si scontrano con l'accelerazione del mondo occidentale dove la cosiddetta "velocizzazione tecnica" ha prodotto una maggiore rapidità in ogni fenomeno della vita sociale portando le persone ad avvertire uno spontaneo senso di colpevolezza di fronte alla propria incapacità di stare al passo rispetto ai processi competitivi provocando una condizione di angoscia.

Padroneggiare delle tecniche per la ricerca attiva del lavoro diviene così un passaggio fondamentale sia in termini di autonomia sia in termini di messa a fuoco dei propri obiettivi professionali, senza demoralizzarsi di fronte a possibili insuccessi.

Tra le tecniche più utilizzare nel processo di ricerca lavoro il passaparola permette ancora di ottenere buoni risultati. In effetti, il chiedere informazioni e suggerimenti a familiari, amici e conoscenti oppure presentarsi personalmente dal datore di lavoro forti delle personali aree di competenza, diminuiscono i tempi di attesa e, combinate tra loro, aumentano le percentuali di successo.

Fondamentale è riuscire ad arrivare al fatidico colloquio (possibilmente) nel contesto professionale nel quale si desidera operare abbastanza informati sull'azienda/datore di lavoro e sulle sue necessità, con la capacità di sapersi ben presentare, valorizzando le attitudini personali e le competenze professionali nonché i propri valori, dimostrando di poter essere una risorsa. 
In conclusione è possibile affermare che cercare un lavoro, come dichiarato da tanti addetti del settore, è un vero lavoro che richiede tempi di preparazione, pazienza, determinazione e una buona dose di atteggiamento propositivo e spirito positivo.

Per trovare uno Spazio Mamme vicino a te

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche

  • Primo piano di donna che guarda la bimba sollevata in braccio davanti lei.

    Genitorialità: come sostenerla in 3 mosse

    Essere genitori oggi pone diversi obiettivi molto sfidanti, per questo è importante promuovere misure di welfare e politiche strutturali per il sostegno alla genitorialità che abbiano attuazione immediata ma con una logica di medio-lungo termine.
  • Donna di spalle parla con una donna e un uomo sul posto di lavoro

    Gender gap: la situazione in Italia

    Il gender gap, divario tra il genere maschile e femminile, è una questione che coinvolge gran parte delle donne in Italia e riguarda soprattutto gli ambiti professionale, economico e sociale. Un approfondimento nel nostro rapporto “Le Equilibriste".