Libano, con la crisi oltre un milione di bambini fuori dalla scuola

Bambino libanese di circa 12 anni è seduto a terra su un tappeto e scrive su un figlio bianco appoggiato a una tavolo di legno.

Con la crisi sociale ed economica in Libano si sta producendo una vera e propria catastrofe educativa. Si stima infatti che più di 1,2 milioni di minori nel Paese non abbia frequentato le lezioni dall’inizio della pandemia. Nell'ultimo anno di COVID-19, i bambini libanesi hanno ricevuto un massimo stimato di 11 settimane di istruzione, numero che è ancora inferiore per i bambini rifugiati siriani e palestinesi.

Questi bambini hanno urgente bisogno di aiuto e anche tu puoi fare la tua parte. Il tuo contributo avrà un impatto significativo e porterà un cambiamento tangibile, DONA ORA.

Un nuovo rapporto sulla situazione in Libano

In un nostro nuovo rapporto, “Lebanon Education in Crisi: Raising the Alarm”, sono state evidenziate le disuguaglianze emerse con la crisi socio-economica e l’impatto della pandemia di Covid-19. Il 55% delle famiglie libanesi vive attualmente in povertà, con tassi ancora più elevati tra i rifugiati palestinesi (70%) e siriani (90%). La povertà è un forte ostacolo all'accesso dei bambini all'istruzione, poiché molte famiglie non possono permettersi materiali e strumenti per l'apprendimento o devono fare affidamento sui minori per ottenere un reddito.

Molti bambini in Libano non vanno a scuola dall'ottobre 2019, quando le proteste e i disordini civili hanno colpito molte parti del Paese. Lo stesso anno, diversi scioperi degli insegnanti per ritardi nei pagamenti degli stipendi, hanno provocato ulteriori interruzioni nell'apprendimento. La crisi dell'istruzione è stata poi aggravata da un crollo della valuta, dall'esplosione del porto di Beirut e dalle misure di blocco per il COVID-19.

L'istruzione per migliaia di bambini in Libano è appesa a un filo. E un gran numero di minori potrebbe non tornare mai più in classe, scoraggiati dalla perdita di tante ore di apprendimento o per l'impossibilità delle famiglie di mandarli a scuola. Questo scenario si aggiunge a un quadro in cui i bambini libanesi avevano già tassi di alfabetizzazione e matematica inferiori alla media dei paesi del Medio Oriente.
Più a lungo non vanno a scuola, più rimarranno indietro.

Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche